Professional Relo

 

en_GBit_IT

Entra  

Professional Relo

 

Professional Relo

 

Unioni civili e disciplina delle convivenze


diritti_civili-1416x900

20 giugno 2016

L’11 maggio 2016 è stato approvato il disegno di legge “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”.

La legge (L. 20 maggio 2016 n. 76), pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 118 del 21 maggio 2016 ed entrata in vigore il 5 giugno 2016, introduce l’unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto.

Unioni civili:

  • possono essere stabilite tra due persone maggiorenni dello stesso sesso, mediante dichiarazione all’ufficiale di stato civile ed alla presenza di due testimoni; segue registrazione dell’atto. Le parti possono assumere un cognome comune, o anteporre/posporre al cognome comune il proprio.
  • prevedono che le parti acquistino gli stessi diritti e doveri; In particolare gli obblighi di assistenza morale e materiale, di coabitazione e definizione dell’indirizzo di residenza, di contribuzione economica in base alle proprie capacità.
  • Non sono attuabili in caso di eventuale precedente vincolo matrimoniale o di unione civile, interdizione, o sussistenza dei rapporti di parentela.
  • Sono sciolte tramite manifestazione di tale volontà all’ufficiale dello Stato Civile da una o entrambe le parti.
  • La normativa si estende anche ai cittadini Europei e non-Europei e in particolare:

Le coppie omosessuali che decidessero di unirsi secondo le nuove disposizioni di legge, potranno  usufruire della possibilità, equiparata a quella dei coniugi, di ottenere il diritto al soggiorno per motivi familiari per il proprio partner straniero. Nello specifico:

  • lo straniero non comunitario già regolarmente presente in territorio italiano ha il diritto di chiedere il ricongiungimento familiare con il partner
  • il cittadino italiano o comunitario che abbia contratto unione civile con un partner straniero, potrà avvalersi dei diritti garantiti dalla legge 30/2007 in materia di circolazione e soggiorno dei cittadini comunitari e dei propri congiunti (questi ultimi anche non comunitari) e delle regole previste dal T.U. dell’Immigrazione (art. 19 comma 3 in materia di inespellibilità del coniuge o partner convivente con cittadino italiano).

Convivenze di fatto:

  • possono essere stabilite tra due persone maggiorenni, sia eterosessuali che omosessuali
  • prevedono che le parti  abbiano l’obbligo di coabitazione e non debbano aver precedentemente contratto un matrimonio o un’unione civile
  • rendono possibile la stipula di un contratto di convivenza per “disciplinare i rapporti patrimoniali relativi alla vita comune.” La registrazione viene fatta in forma scritta con un atto pubblico o per scrittura privata, autenticata da un avvocato o da un notaio
  • cittadini Europei e non-Europei: la legge non apporta alcuna modifica, poiché la convivenza non è equiparabile all’unione civile/matrimonio. In assenza di tale equiparazione, non si può quindi estendere a questi casi la disciplina in materia di immigrazione e soggiorno. Anche a livello Europeo, la normativa non incide sullo status quo, salvo i casi in cui le unioni o convivenze siano state celebrate in un Paese che le equipara giuridicamente al matrimonio.

La normativa dovrebbe essere applicata da tutte le autorità dal 5/06/2016; tuttavia, nonostante l’entrata in vigore della legge e l’invio di circolari da parte del Ministero dell’Interno alle autorità locali competenti, l’applicazione ai casi specifici non è ancora stata chiarita e l’attività degli uffici pubblici quali comuni, prefetture e questure non sembra aver tradotto sinora in procedura le nuove normative.

Professional Relo S.r.l

Sede operativa
Centro Direzionale Colleoni
Palazzo Orione, 2 - 20864 Agrate Brianza (MB) Italy

Sede legale
Via Cappuccio, 18 - 20123 Milano

 

Tel: +39 039.63.460.1
Fax: +39 039.63.460.29

pec: professionalrelo@legalmail.it

P.IVA/Cod.Fisc.: 12526640151
Capitale sociale € 10.500 interamente versato
Registro Imprese 163823\1998 - REA 1562937

EuRA

Certificazione di Qualità
Nel 2014, al compimento dei propri primi 20 anni, Professional Relo è stata insignita della certificazione di Qualità Global Quality Seal (GQS) da parte della European Relocation Association. Trattasi della prima certificazione al mondo per società di servizi di relocation. Professional Relo è la prima società in Italia ad aver ottenuto la certificazione europea GQS.

en_GBit_IT